Radio MicrofonoAperto | Viaggio – 2° puntata

Ecco le due storie e la track-list completa della seconda puntata della nostra web-radio MicrofonoAperto! Come sempre vi invito a mandarci le vostre storie, anche in modo anonimo, per raccontarle!

Prima storia – Traffico

“Non so cosa mi sia preso quella mattina. Come tutti i giorni sapevo che sarei dovuto andare a lavorare, sapevo che avrei incontrato le solite facce, sin da quando mi sarei alzato dalla mia parte di letto. Un bacio alla mia compagna, uno sguardo alla caffettiera fumante e poi via, in auto, attraverso la nazionale che mi avrebbe condotto, come sempre, al mio ufficio. Alle sei di mattina non si incontra quasi mai traffico. Però, quel giorno, vidi una fila interminabile di auto. Non so perchè iniziai a pensare alla mia vita. Alla mia solitudine. Si, ho una compagna ormai da quasi dieci anni, ho dei colleghi che fortunatamente mi sono pure amici, ho avuto una vita che, modestia a parte, mi ha regalato tutte le soddisfazioni che un uomo possa desiderare. Eppure mi son sentito solo in mezzo a quella coda trafficata di automobili. Ricordo quando andai via di casa. Fu un viaggio organizzato con i miei genitori. Caricammo la macchina e andammo verso Roma, all’Università. Mia mamma aveva appoggiato sin da subito la mia decisione ma papà no. Non gli andava proprio giù. Non perchè non volesse il mio bene, – almeno penso, – ma perchè, per la prima volta in vita sua, gli sarei mancato. Finì il trasloco da solo. Un sacco di valige e vestiti, parecchi libri e tante cassette da vedere con il registratore. E poì, via, da solo. Per la prima volta. E’ strana come sensazione, nonostante sapessi che da lì a poco avrei iniziato a conoscere i miei compagni universitari, i professori, il barista vicino casa. Non era paura. Era una svolta, e come tutte le svolte verso un’incertezza, mi emozionava. Oggi son qui, con la mia famiglia, mamma non c’è più e papà abita lontano, da solo. Io ho tutto e lui più niente, eppure, ogni sera, restiamo a telefono per almeno un’ora. Siamo simili, e forse questa è la più grossa smentita alla stessa definizione di solitudine.

Seconda Storia – Viaggio

E da un’uscita di galleria, Col cuore in gola, ti trovi in faccia il sole Che ti fruga i pensieri: Ti legge dentro la nostalgia,
Del buio fresco in cui fino a ieri Gettavi via i tuoi giorni d’eternità. Ma la voglia di vivere, Forse ti salverà, All’uscita di una galleria.
Vivere è perdersi e ritrovarsi, Corrersi dietro per poi lasciarsi andare, Una volta di più. Vivere è una tela di cose, Con cui riempire i lunghi intervalli, Tra un momento e l’altro di felicità. E la voglia di vivere, Forse ti porterà, Se il suo sole corto basterà.
Ed in un viaggio può capitare, Di ritrovarsi a contare tutto, Quel che è stato di te. Quello che hai dato, quel che hai avuto, Quel che hai trovato, quel che hai perduto, Quello che hai chiuso E quello di te che hai aperto. Ma la voglia di vivere, Nel suo tratto scoperto, In un viaggio ti capiterà.
Cose che passano, non ti voltare, Non riuscirai a trattenere un giorno, Un silenzio di più. Cose che passano, vestiti stretti, Amori che hanno disfatto i letti, Che hanno raccolto i semi e la sterilità, Di una voglia di vivere Che è già nostalgia, E si entra in un’altra galleria.

Track-list della puntata:

  • Fabrizio de André – Elogio alla solitudine
  • Dave Imbernon – Winter Song
  • Barefoot McCoy – Leaving Song
  • Negrin – Minuetto in La maggiore

Link alla puntata su Spreaker.com

Prima parteLink

Seconda parte  – Link

Precedente Radio MicrofonoAperto | Sigarette - 1° puntata Successivo Radio MicrofonoAperto | Fili - 3° puntata